Nati nella città che diventò Auschwitz

Language: Italian

Questo video scaricabile contiene spezzoni delle testimonianze di sopravvissuti ebrei nati e cresciuti nella città polacca di Oświęcim, dove i nazisti tedeschi crearono l’infame sistema dei campi di Auschwitz.

Prima di Auschwitz, la città di Oświęcim aveva una comunità ebraica fiorente e varia. Il video offre uno scorcio di questa parte spesso trascurata della storia della città attraverso racconti in prima persona di chi è nato e cresciuto lì. Oltre a condividere questi ricordi vividi di una Polonia ebraica che non esiste più, questo filmato di testimonianze fornirà agli educatori un altro contesto storico, che può essere utile agli insegnanti che portano i loro studenti in viaggio ad Auschwitz.

La visione di questo video in preparazione alla visita del sito e del Museo di Stato di Auschwitz potrebbe aiutare insegnanti e studenti bilanciare meglio gli orrori della Shoah con storie di vita umane che possono favorire la comprensione degli eventi connessi al luogo oggi conosciuto soprattutto con il nome di Auschwitz.

Durata: 28 minuti

La città di Oświęcim (Polonia)

Coordinate: 50º02'N 19º16'E

L'esistenza della città risale al XII secolo. Dopo la spartizione della Polonia nel 1772, la città fu annessa all'impero asburgico austriaco, tornando al governo polacco solo dopo la prima guerra mondiale. Durante quel periodo, Oświęcim divenne un centro industriale e un importante nodo ferroviario. Popolazione ebraica nel 1921: 4.950. Alla vigilia della seconda guerra mondiale c'erano circa 8.000 ebrei in città, oltre metà della popolazione. Oświęcim fu occupata subito dopo l'inizio della seconda guerra mondiale. Nell'ottobre 1939 fu annessa Grande Germania.

Il sistema di campi di concentramento e di sterminio di Auschwitz era costituito da: Auschwitz I (campo base), Auschwitz II-Birkenau (parte del quale era un campo di sterminio), Auschwitz III- Monowitz (campo di lavoro), e 45 campi satelliti. Auschwitz I ospitò i primi prigionieri, prigionieri politici polacchi, nel maggio 1940. Reichsführer -SS Heinrich Himmler, capo delle Schutzstaffel (SS), approvò il campo nel mese di aprile dello stesso anno. Almeno 1,3 milioni di prigionieri morirono ad Auschwitz, circa il 90 per cento dei quali ebrei; 150.000 polacchi, 23.000 rom e sinti, di 15.000 prigionieri di guerra sovietici e decine di migliaia di altre persone portate lì da tutta l’Europa occupata.

La città e i campi furono liberati dall'esercito sovietico il 27 gennaio 1945.

Brevi note biografiche

Mark Bader

Nato a Oświęcim nel 1927. Sopravvissuto al ghetto di Sosnowiec e ai campi di concentramento di Auschwitz, Fünfteichen, Gross Rosen, Hersbruck e Dachau. La sua testimonianza è stata registrata nel 1996 a Los Angeles, California, USA.

Lola Fuchs

Nata a Oświęcim nel 1928, nome da nubile: Lola Leah Silbiger. Di famiglia chassidica Bobov. Sopravvissuta al ghetto di Bedzin e ai campi di concentramento di Breslau, Peterswaldau e Langenbielau. La sua testimonianza è stata registrata nel 2001 a Ocean, New Jersey, USA.

Jacob Geldwert

Nato a Oświęcim in 1921. Sopravvissuto al ghetto di Sosnowiec e ai campi di concentramento di Blechhammer, Sackenhoym, Buchenwald, Erfurt, Gross Rosen e Halberstadt-Zwieberge. La sua testimonianza è stata registrata nel 1996 a Ithaca, New York, USA.

Mania Kay

Nata a Oświęcim nel 1920. Nome da nubile: Mania Miriam Bodner. Sopravvissuta al ghetto di Sosnowiec, al campo di sterminio di Auschwitz II - Birkenau e ai campi di concentramento di Bobrek, Gleiwitz e Bergen-Belsen. La sua testimonianza è stata registrata nel 1995 a Kitchener, Ontario, Canada.

Alex Reifer

Nato a Oświęcim nel 1921. Cresciuto tra gli ebrei Chassidici Bobov. Dopo l’invasione tedesca della Polonia, la sua famiglia fuggì verso est.  Mentre la famiglia poi tornò a casa, Alex restò nella parte della Polonia occupata dalle truppe sovietiche. Le autorità sovietiche gli assegnarono un lavoro nelle città di Sorokino e Voroshilovgrad, all’interno dell’URSS. Quando i tedeschi attaccarono l’Unione Sovietica, Alex fu arruolato nell’esercito sovietico e diventò un ufficiale decorato dell’intelligenza militare, seguendo il fronte fino a Berlino. La sua testimonianza è stata registrata nel 1996 a Sherman Oaks, California, USA.

Samuel Silbiger Falsehaber

Nato a Oświęcim nel 1923. Sopravvissuto ai campi di concentramento di Blechhammer, Berga/Elster, Buchenwald, St. Annaberg, Gross Rosen e Dachau. Fu liberato durante una marcia della morte nei pressi di Mittenwald. La sua testimonianza è stata registrata nel 1997 ad Atlanta, Georgia, USA.

Ben Sonnenschein

Nato a Oświęcim nel 1925. Sopravvissuto ai ghetti di Bedzin e Sosnowiec e ai campi di concentramento di Blechhammer, Kattowitz, Dyhernfurth, e Langenbielau I. La sua testimonianza è stata registrata nel 1996 ad Aventura, Florida, USA.

Edward Spett

Nato a Oświęcim nel 1928 con il nome Ignatz Spett. Sopravvissuto al ghetto di Sosnowiec e ai campi di concentramento di Blechhammer, Sakrau, Ohrdruf, Gräditz, Faulbrück, Gross Rosen, Klettendorf e Buchenwald. La sua testimonianza è stata registrata nel 1996 a Wyckoff, New Jersey, USA.

Saba Wainapel

Nata a Oświęcim nel 1918. Nome da nubile: Shprintza Reinhold Wulkan. Sopravvissuta ai ghetti di Krakow e Radom, dove lavorò per il movimento clandestino sionista. Poi sopravvissuta ai campi di concentramento di Auschwitz e Blizyn. La sua intervista è stata registrata nel 1995 a South Fallsburg, New York, USA.

 

Risorse aggiuntive in inglese:

Glossario

Cheder

Scuola elementare ebraica tradizionale che insegna le basi del giudaismo e la lingua ebraica.

Yeshiva

Istituzione educativa ebraica incentrata sullo studio dei testi religiosi tradizionali.

Scola

Una sinagoga, ma anche un luogo di studio, una scuola.

Shtiebel

Un luogo meno formale utilizzato per le preghiere comunitarie ebraiche.

Beis haMedrash, anche Beth haMidrash

Sala di studio ebraico situata in una sinagoga, yeshiva, o altro edificio, spesso utilizzato anche per le preghiere comunitarie.

Chassidico

Seguace di un ramo del giudaismo ortodosso che promuove la spiritualità, fondato nel XVIII secolo come reazione al giudaismo eccessivamente legalistico. Ogni dinastia chassidica è guidata da un rabbino e segue i propri principi: così l'ebraismo chassidico non è un movimento, ma un insieme di gruppi separati con una certa comunanza.

Rebbe

Rabbino o insegnante, nella tradizione chassidica, il leader di un particolare movimento chassidico.

Payes, o Payot

“Boccoli” o “riccioli laterali” portati da alcuni ragazzi e uomini nella comunità ebraica ortodossa.

Bar Mitzvah

Rito ebraico di passaggio all’età della maturità.

Hachshara

Formazione agricola intensiva organizzata dal movimento sionista per gli immigrati in Palestina, per prepararli alla vita in un kibbutz.

Kibbutz

Comunità collettiva di pionieri sionisti tradizionalmente basata sull'agricoltura.

Pesach o Pasqua Ebraica

Pasqua, festività biblica ebraica.

Rosh Hashana

L’anno nuovo ebraico